Davide Tansini

Storia, architettura, arte e ricerca

Il Castello di Pizzighettone

Il Castello di Pizzighettone

Pizzighettone – 23 e 24 Maggio 2015


  • Che cosa: storia e architettura del Medioevo, del Rinascimento e dell’Età Moderna.
  • Dove: Pizzighettone (Cremona, Lombardia), resti del Castello (centro storico).
  • Come: itinerario tematico.
  • Quando: 23 e 24 Maggio 2015.
  • Info: cellulare 349 2203693, Facebook www.facebook.com/tansinidavide, e-mail eventi@tansini.it.

Pizzighettone (Cremona, Lombardia)

Torre del Guado e Leone

Fotografia di Davide Tansini

Ripresa fotografica digitale

2014

Proprietà Davide Tansini

Pizzighettone (Cremona, Lombardia). Torre del Guado e Leone. Davide Tansini. Fotografia digitale. 2014

Un fiume, una roccaforte lombarda, una storia lunga più di 600 anni.

Sono questi gli ingredienti dell’itinerario tematico intitolato Il Castello di Pizzighettone, che nelle giornate del 23 e del 24 Maggio 2015 ha condotto sulle tracce di un’importante fortificazione dell’antico Ducato di Milano.

Architettura, personaggî, curiosità, arte, cultura: un percorso che si è snodato fra il XIV secolo e i giorni nostri, attraversando il Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna.

Un itinerario che è stato ricco di spunti e argomenti così come suggestiva è stata la location dell’evento: Pizzighettone, antica piazzaforte affacciata sulle rive del fiume Adda, situata nella campagna cremonese lungo il confine con il Lodigiano, a pochi chilometri da Crema, Cremona, Lodi e Piacenza.

Quello pizzighettonese è un patrimonio storico-architettonico vasto e significativo, unico nel suo genere in Lombardia. La cittadina lombarda era infatti una località strategica, punto di transito obbligato fra la Lombardia orientale e quella occidentale.

Molte furono le strutture erette nel córso déi decenni per difendere la piazzaforte lungo il fiume Adda. In gran parte sono tuttora conservate: per esempio, la cerchia muraria, Porta Cremona, il Rivellino, la Torre del Guado (o Torrione), i Bastioni.

Il 23 e il 24 Maggio 2015 è stato lo storico Davide Tansini a far riscoprire quello che fra Trecento e Settecento fu il cuore della piazzaforte riverasca: il Castello.

Basandosi su ricerche personali condotte presso archivî e fortificazioni del Nord Italia, Tansini ha descritto sviluppo, caratteristiche e funzioni di questa struttura castellana (oggi conservata in parte).

Il Castello pizzighettonese fu eretto nella seconda metà del Trecento, durante la signoria déi Visconti, quale sede di una guarnigione militare. Nel XV secolo ancóra i Visconti e poi il casato Sforza potenziarono e ampliarono il fortilizio, che fu utilizzato come presidio dello stato milanese fino al termine del XVIII secolo.

Oltre 12.000 m2 di estensione, un ponte stabile sull’Adda, una rocchetta sulla sponda occidentale del fiume: sul finire del Quattrocento, nel periodo di massimo sviluppo, quello di Pizzighettone era uno fra i più importanti castelli del Ducato Milanese.

Una fortificazione di confine: anche questo spiega il suo lungo impiego militare. Dodici chilometri a Nord di Pizzighettone era situata la frontiera con il Cremasco (dal 1449 occupato dalla Repubblica di Venezia), mentre una decina di chilometri a Sud-Ovest iniziava il territorio piacentino (dal 1521 appartenente prima allo Stato della Chiesa e poi al Ducato di Parma e Piacenza).

Spie, disertori, banditi, vagabondi, contrabbandieri, e ancóra soldati, mercanti, contadini, pastori, viandanti, architetti, ingegneri, sovrani: per secoli persone di provenienze molto disparate passarono lungo le mura della fortezza riverasca.

Tante le vicende che legano questi personaggî al Castello pizzighettonese. Con stile colloquiale, affabile, vivace ma rispettoso déi dati storico-scientifici Davide Tansini ha descritto non soltanto l’antico aspetto del castello, ma anche il variegato mondo che gravitava attorno alla roccaforte.

Far capire come funzionava un presidio militare di secoli fa e come si rapportava con la realtà circostante sono stati due importanti temi-guida dell’itinerario.

La spiegazione di Davide Tansini non si è limitata alla semplice enumerazione di eventi bellici e dettaglî architettonici: invece, è stata l’occasione per un discorso ampio e articolato – oltre che interessante e coinvolgente – su un periodo storico e sull’eredità che ha lasciato: società, economia, politica, usi, tradizioni, vita quotidiana (a Pizzighettone, in Lombardia e non soltanto).

Ampio spazio alle vicende delle donne e degli uomini coinvolti nella vita del Castello: i castellani (comandanti militari, ma anche amministratori, agenti segreti e carcerieri), i soldati (talvolta brutali, prepotenti e opportunisti, ma anche coraggiosi e caritatevoli, o ancóra svogliati e negligenti), le loro famiglie, gli abitanti del posto (spesso vessàti dalla presenza militare, altre volte in combutta con questa per trarne profitto), i viaggiatori (che lasciarono testimonianze e impressioni su Pizzighettone e il suo Castello), i progettisti, i costruttori e i rifornitori della fortezza (parte dell’indotto economico generato dalla roccaforte).

Attraverso i resti materiali e le vicende dell’antica roccaforte Tansini ha fatto emergere storie molto diverse fra loro, che si svolsero in un passato lontano, ma che hanno molti punti in comune e somiglianze con il presente.

Così, l’itinerario tematico Il Castello di Pizzighettone è stata una duplice occasione: una visita guidata presso un monumento della Lombardia e uno spunto per conoscere e rivivere la storia.


Ex voto 1633-1655

Particolare del Castello di Pizzighettone

Tempera su tavola

1633-1655 c.a

Pizzighettone (Cremona, Lombardia), Santuario della Beata Vergine del Roggione

Ex voto 1633-1655. Particolare del Castello di Pizzighettone. Tempera su tavola. 1633-1655 circa. Pizzighettone (Cremona, Lombardia), Santuario della Beata Vergine del Roggione

Il Castello costituiva il nucleo della piazzaforte di Pizzighettone, eretta a partire dal XII secolo e utilizzata per scòpi difensivi fino al 1866.

L’impianto castellano sorgeva nella parte Nord-Ovest del borgo e si affacciava sulla sponda orientale dell’Adda, presso il luogo dove era situato il guado che per mezzo di un ponte o di un traghetto attraversava il fiume.

A iniziarne la costruzione fu il signore di Milano Bernabò Visconti, fra il 1369 e il 1370, per controllare e difendere il basso córso dell’Adda e l’asse stradale fra Cremona, Lodi, Milano e Pavia, che valicava il fiume proprio a Pizzighettone.

Inglobato nel Ducato di Milano già nel 1395, il Castello riverasco acquistò grande importanza strategica nel XV secolo, durante le guerre che opposero Milano e Venezia: soprattutto, dopo l’attestazione del confine con la Serenissima a meno di 20 chilometri da Pizzighettone.

A partire dal 1424 il Duca di Milano Filippo Maria Visconti promosse lavori di ristrutturazione e ampliamento. Proseguite dai suoi successori Francesco Sforza Visconti e Galeazzo Maria Sforza, queste opere trasformarono l’intero abitato in una città da guerra.

Sul finire del Quattrocento il Castello si sviluppava su più di 12.000 m2, era diviso in due ampî cortili d’armi, vi si accedeva attraverso almeno quattro porte, disponeva di almeno sette fra torri e rivellini, era circondato da fossati su tre lati e lambito dall’Adda sul quarto, disponeva di un ponte in legno sul fiume stesso e di una rocchetta per proteggere la sponda occidentale dell’Adda.

Al comando del Castello era preposto un castellano, nominato dal duca di Milano: un ufficiale incaricato non soltanto di gestire e difendere la roccaforte, ma di sorvegliare il territorio circostante.

Come altre importanti fortezze, quella pizzighettonese fungeva anche da prigione di stato, per detenuti politici e militari di notevole rilevanza. Per esempio, nel 1525 vi fu tenuto prigioniero il Re di Francia Francesco I di Valois-Angoulême e nel 1707 l’ex Viceré di Napoli Juan Manuel Fernández Pacheco y Zúñiga, Marchese di Villena.

Conteso tra la Repubblica di Venezia, il Re di Francia e il casato Sforza nel primo trentennio del XVI secolo, dal 1535 il Castello riverasco fu incluso néi dominî di casa Asburgo (fino al 1700 il ramo di Spagna, dal 1706 quello d’Austria).

Alla metà del XVII secolo, durante la Guerra dei Trent’Anni, il governo asburgico fece erigere un vasto e imponente fronte bastionato esteso per decine di ettari tutt’attorno alle mura cittadine più antiche. Potenziata nella prima metà del Settecento, questa corona di fortificazioni continuò a essere imperniata sul Castello in riva all’Adda.

Nel 1782 l’impianto castellano fu messo in disarmo insieme a tutti i fortilizî pizzighettonesi e due anni più tardi divenne parte del carcere militare realizzato dall’esercito asburgico all’interno della cerchia muraria. In particolare, il Castello fu utilizzato per la detenzione e il lavoro forzato déi vagabondi.

Le funzioni difensive del fortilizio furono ripristinate nel 1796, con la calata in Italia delle truppe francesi comandate da Napoleone Bonaparte: dapprima contro l’esercito rivoluzionario, poi come opera difensiva della Repubblica Cisalpina.

Cinque anni dopo un incendio danneggiò alcune parti del Castello. Diverse strutture superstiti furono abbattute a più riprese: le ultime demolizioni furono compiute negli Anni Sessanta del Novecento. Alcune aree castellane furono impiegate per la costruzione di alcuni edificî: abitazioni, magazzini e impianti produttivi.

Del Castello pizzighettonese sono tuttora ben visibili la Torre del Guado (o Torrione), al cui interno sono conservàti lacerti di affreschi rinascimentali, la Torre Mozza, l’intera ala settentrionale, i fossati di Nord-Est e consistenti tratti delle fondamenta.


Pizzighettone (Cremona, Lombardia)

Resti del Castello: particolare della Torre Mozza

Fotografia di Davide Tansini

Ripresa fotografica digitale

2014

Proprietà Davide Tansini

Pizzighettone (Cremona, Lombardia). Resti del Castello: particolare della Torre Mozza. Davide Tansini. Fotografia digitale. 2014

Localizzazione – Comune: Pizzighettone. Provincia: Cremona. Regione: Lombardia. Ritrovo dell’itinerario: cerchia muraria (Piazza d’Armi). Coordinate: N 45.187079, E 9.784277.

Organizzazione – «Gruppo Volontari Mura» di Pizzighettone.

Ideazione e conduzione – Davide Tansini.

Note – L’itinerario tematico Il Castello di Pizzighettone si è svolto a Pizzighettone (Cremona, Lombardia) il 23 e il 24 Maggio 2015. La partecipazione è stata libera e gratuita. La manifestazione è stata organizzata dal «Gruppo Volontari Mura» di Pizzighettone. L’evento si è svolto in concomitanza con le «Giornate Italiane dei Castelli 2015», organizzate dall’«Istituto Italiano dei Castelli». L’iniziativa è stata ideata e condotta da Davide Tansini. Essa è stata basata sugli esiti delle ricerche personali condotte dallo stesso Tansini in àmbito storico-architettonico. La manifestazione non ha avuto scòpo di lucro. Per la conduzione della manifestazione Davide Tansini ha operato gratuitamente.



Planimetria del Castello e di alcune casematte di Pizzighettone

Acquerello e inchiostro su carta

1783

Milano (Lombardia)

Planimetria del Castello e di alcune casematte di Pizzighettone. Acquerello e inchiostro su carta. 1783. Milano (Lombardia)

Davide Tansini

Storia, architettura, arte e ricerca

Il Castello di Pizzighettone

Tutti i diritti riservati. Versione 2014 transitoria. Aggiornamento: 16 Febbraio 2018

Pubblicazione non periodica (Leggi 47/1948 e 62/2001)

Per le indicazioni di pubblicazione accedi alla pagina Note

L’itinerario tematico Il Castello di Pizzighettone ha descritto origini, sviluppo, vicende, caratteristiche e funzioni dell’antico fortilizio che fra XIV e XVIII secolo sorvegliò il guado pizzighettonese del fiume Adda. L’iniziativa è consistita in un visita guidata e si è svolta sabato 23 e domenica 24 Maggio 2015 a Pizzighettone (Cremona, Lombardia), presso i resti del Castello. Pizzighettone è situato a circa 65 chilometri da Bergamo, circa 65 da Brescia, circa 20 da Cremona, circa 30 da Lodi, circa 60 da Milano, circa 90 da Parma, circa 50 da Pavia, circa 20 da Piacenza e circa 25 da Crema. L’iniziativa è stata organizzata in concomitanza con le «Giornate Italiane dei Castelli 2015», promosse dall’«Istituto Italiano dei Castelli». La manifestazione ha trattato argomenti di architettura fortificata, architettura militare, arte, cultura, economia, personaggî, politica, società, storia generale, storia locale, storia militare e territorio. Il periodo di riferimento déi contenuti dell’evento copre il Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna: XIV secolo (Trecento), XV secolo (Quattrocento), XVI secolo (Cinquecento), XVII secolo (Seicento) e XVIII secolo (Settecento). Personaggî citàti da Tansini nela sua illustrazione: Bernabò Visconti (1323-1385), Gian Galeazzo Visconti (1351-1402), Francesco Bussone detto Conte Carmagnola (1385 c.a-1432), Filippo Maria Visconti (1392-1447), Francesco Sforza Visconti (1401-1466), Bianca Maria Visconti (1425-1468), Galeazzo Maria Sforza (1444-1476), Ludovico Maria Sforza detto il Moro (1452-1508), Francesco I di Valois-Angoulême (1494-1547), Carlo V d’Asburgo (1500-1558), Filippo II d’Asburgo (1527-1598), Luis Francisco de Benavides Carrillo de Toledo (1608-1668), Giangiacomo Teodoro Trivulzio (1596/1597-1656), Juan Manuel Fernández Pacheco y Zúñiga (1650-1725), Eugenio di Savoia-Carignano (1663-1736), Carlo VI d’Asburgo (1685-1740), Carlo Emanuele III di Savoia (1701-1773), Maria Teresa d’Austria (1717-1780), Giuseppe II d’Asburgo-Lorena (1741-1790), Napoleone Bonaparte (1769-1821). Antichi stati italiani trattàti nell’esposizione: signoria viscontea su Milano, su Cremona, su Lodi e su Piacenza, Ducato di Milano, Aurea Repubblica Ambrosiana (o Aurea Repubblica di Sant’Ambrogio), Serenissima Repubblica di San Marco (o Repubblica di Venezia), Ducato di Piacenza e Parma, Ducato di Parma e Piacenza, Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla. L’itinerario tematico Il Castello di Pizzighettone è sato ideato e condotto da Davide Tansini: storico, studioso di storia medievale, rinascimentale e moderna, di architettura fortificata e militare, di archivistica, di toponomastica e di storia della navigazione fluviale, socio dell’«Istituto Italiano dei Castelli», dell’«Istituto per la Storia dell’Arte Lombarda» e della «Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi». Davide Tansini si è occupato della storia locale e militare della bassa Lombardia e dell’architettura fortificata e militare di Pizzighettone, del Cremonese, della Lombardia e dell’antico Ducato di Milano anche nelle seguenti iniziative e pubblicazioni: visite guidate alle mura di Pizzighettone (Pizzighettone, cerchia muraria – dal 2000); L’eremo di Sant’Eusebio, ne «La Nostra Gente», Pizzighettone, Piccolo Laboratorio Culturale «Don Luigi Viadana», II, 1, 2005, pp. 6-7; Pizzighettone stretta d’assedio, contesa tra Borboni e Asburgo, ne «La Cronaca», Cremona, Società Editrice Nuova Informazione, XIIII, 302, 2006, pp. 28-29; Pizzighettone 1706. Fra Spagna ed Austria (Pizzighettone, cerchia muraria – 3 Novembre 2006); Pizzighettone 1706. Fra Spagna ed Austria (Pizzighettone, cerchia muraria – dal 3 al 12 Novembre 2006); (La) Cittadella viscontea di Piacenza (Piacenza, Cittadella Viscontea – 20 Aprile 2008); Oppidum Piceleonis. Fortificazioni viscontee a Pizzighettone (Pizzighettone, cerchia muraria – 10 e 11 Maggio 2008); 1449: intrighi, denaro e tradimenti al Castello di Pizzighettone, ne «La Cronaca», Cremona, Società Editrice Nuova Informazione, XVI, 257, 2009, pp. 32-33; Incontri castellani 2010 – San Colombano al Lambro, prima tappa della serie itinerante Incontri castellani 2010» (San Colombano al Lambro, Parco del Castello – 21 Marzo 2010); Pizzighettone 1449: intrigo al castello (Pizzighettone, cerchia muraria – 24 Luglio, 28 Agosto, 4 Settembre, 30 e 31 Ottobre 2010, 28 Maggio, 16 Luglio, 27 Agosto, 28 e 30 Ottobre 2011, 28 Aprile, 28 Luglio e 29 Settembre 2012, 29 Giugno e 17 Agosto 2013, 5 Luglio 2014, 22 Agosto 2015, 27 Agosto e 29 Ottobre 2016, 26 Agosto e 4 Novembre 2017); Effetto castello. Terranova dei Passerini e le fortificazioni medievali (Terranova dei Passerini, Sala Polifunzionale – 25 Ottobre e 5 Novembre 2010); Storie (impreviste) fra le mura (Pizzighettone, cerchia muraria – 1 Novembre e 26 Dicembre 2010, 2 e 6 Gennaio 2011, 31 Ottobre 2012, 1 Novembre 2013 e 15 Maggio 2016); Le fortificazioni ottocentesche nell’area padano-appenninica (Milano, Palazzo delle Stelline – 15 Febbraio 2011); Quattro chiacchiere nella storia – Terranova dei Passerini, prima tappa della serie itinerante «Quattro chiacchiere nella storia» (Terranova dei Passerini, Sala Polifunzionale – 13 Marzo 2011); Quattro chiacchiere nella storia – Pizzighettone, seconda tappa della serie itinerante «Quattro chiacchiere nella storia» (Pizzighettone, Polveriera San Giuliano – 10 Aprile 2011); Alla scoperta di mura e castelli (Pizzighettone, cerchia muraria – 21 e 22 Maggio, 25 Settembre, 29 e 30 Ottobre e 1 Novembre 2011, 29 Aprile, 6 e 20 Maggio, 30 Settembre, 1 e 4 Novembre 2012, 26 Maggio e 3 Novembre 2013 e 2 e 9 Novembre 2014); Gera. La piazzaforte degli Asburgo (Pizzighettone, fortificazioni di Gera – 29 Maggio, 2, 4 e 5 Giugno 2011); Quattro chiacchiere nella storia – San Bassano, terza tappa della serie itinerante «Quattro chiacchiere nella storia» (San Bassano, Istituto «Marco Gerolamo Vida» – 22 Giugno 2011); Pizzighettone 1500: guerre, scandali, potere (Pizzighettone, cerchia muraria – 2 Luglio, 13 Agosto, 24 Settembre, 29 e 31 Ottobre e 5 Novembre 2011, 5 Maggio, 4 Agosto e 2 Novembre 2012, 6 Luglio 2013 e 26 Luglio 2014); Pizzighettone 1403: la battaglia dimenticata (Pizzighettone, cerchia muraria – 30 Luglio e 3 Settembre 2011, 12 Maggio e 1 Settembre 2012 e 14 Settembre 2013); I castelli nel tempo e nel territorio lodigiano (Cavenago d’Adda, Palazzo del Comune – 25 Novembre 2011); Storie di castellani: politica, intrighi, segreti (Pizzighettone, cerchia muraria – 26 Dicembre 2011, 6 e 8 Gennaio, 26 e 30 Dicembre 2012, 6 Gennaio 2013 e 8 Novembre 2014); Castelli last minute – Camairago, prima tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Camairago, Castello Borromeo – 26 Febbraio 2012); Castelli e propaganda dal Medioevo all’Età Moderna, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Piacenza, Libreria Internazionale «Romagnosi» – 28 Marzo 2012); Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Borgo Val di Taro, Biblioteca «Manara» – 21 Aprile 2012); Castelli last minute – Castell’Arquato, seconda tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Castell’Arquato, Rocca Viscontea – 22 Aprile 2012); Quattro chiacchiere nella storia – Berceto, quarta tappa della serie itinerante «Quattro chiacchiere nella storia» (Berceto, Castello Rossi – 25 Aprile 2012); Fiumi e castelli, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Orzinuovi, Biblioteca – 10 Maggio 2012); Visconti e Sforza: i segreti del potere (Pizzighettone, cerchia muraria – 26 Maggio, 1 e 30 Giugno e 3 Novembre 2012, 2 Novembre 2013 e 1 Novembre 2014); ¡España! Pizzighettone fra XVI e XVIII secolo (Pizzighettone, fortificazioni di Gera – 27 Maggio, 2 e 3 Giugno 2012); Visconti e Sforza: i segreti del potere (Castiglione d’Adda, Castello Pallavicino Serbelloni – 7 Luglio 2012); Storie di castellani: politica, intrighi, segreti (Castiglione d’Adda, Castello Pallavicino Serbelloni – 15 Settembre 2012 e 7 Settembre 2013); Castelli e fortificazioni sforzesche, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Soncino, ex Filanda Meroni – 20 Settembre 2012); Animali e castelli, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Broni, Villa Nuova Italia – 27 Settembre 2012); Castelli e castellani, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Sarzana, Palazzo Roderio – 6 Ottobre 2012); Come funzionavano i castelli, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Milano, Biblioteca Rionale «Chiesa Rossa» – 11 Ottobre 2012); Castelli del Piacentino: origini, sviluppo, caratteristiche (Castel San Giovanni, Centro Culturale – 23 e 30 Ottobre 2012); Castelli e fortificazioni viscontee, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Romano di Lombardia, Rocca Viscontea – 15 Novembre 2012); Lodi: frontiera Castello, stagione 2012 della serie itinerante «Incontri castellani» (Lodi, Istituto «Agostino Bassi» – 13 Dicembre 2012); Il Medioevo corre sull’acqua: Maccastorna e Pizzighettone, stagione 2012-2013 della serie itinerante «Il Medioevo corre sull’acqua» (Maccastorna, Castello Bevilacqua, e Pizzighettone, cerchia muraria – 12 Gennaio 2013); Castelli last minute – Berceto, terza tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Berceto, Castello Rossi – 25 Aprile 2013); Lodi Castle: a Subterranean History, in «AncientPlanet Online Journal», Patrasso, AncientPlanet, II, 5, 2013, pp. 104-121; Lodi: frontiera Castello (Lodi, Centro Culturale «San Cristoforo» – 11 Maggio 2013); Il Castello di Castiglione d’Adda, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Castiglione d’Adda, Palazzo del Comune – 16 Maggio 2013); Il Castello di Castiglione d’Adda (Castiglione d’Adda, Castello Pallavicino Serbelloni – 19 Maggio 2013); 1450: le munizioni di dieci castelli sforzeschi tra Emilia, Lombardia e Toscana (Pontremoli, Galleria Studio «Luciano Preti» – 16 Giugno 2013); Piacenza 1547: come ammazzare un duca (Castiglione d’Adda, Biblioteca Comunale «Agamennone Amiti» – 10 Agosto 2013); Alla scoperta di mura e castelli (Nibbiano, borgo – 15 Settembre 2013); Fiumi e castelli, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Casalmaggiore, Biblioteca – 17 Ottobre 2013); Alle origini dei castelli, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Parma, Biblioteca Civica – 19 Ottobre 2013); Bugie e castelli, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Sabbioneta, Palazzo Forti – 26 Ottobre 2013); Castelli e castellani, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Voghera, Biblioteca Civica «Ricottiana» – 8 Novembre 2013); Castelli del Piacentino, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Bobbio, Abbazia – 14 Novembre 2013); Come funzionavano i castelli, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Bagnone, Palazzo del Consiglio – 16 Novembre 2013); Castelli e fortificazioni della Riviera di Levante, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Lavagna, Torre del Borgo – 20 Novembre 2013); Castelli e propaganda dal Medioevo all’Età Moderna, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Tortona, Biblioteca Civica «Tommaso de Ocheda» – 22 Novembre 2013); Animali e castelli, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (La Spezia, Centro Culturale «Dialma Ruggiero» – 30 Novembre 2013); Castelli di città, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Brescia, Castello – 3 Dicembre 2013); Castelli e potere, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Monza, Arengario – 10 Dicembre 2013); Castelli e fortificazioni viscontee, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Bergamo, Cittadella – 12 Dicembre 2013); Castelli e fortificazioni sforzesche, stagione 2013 della serie itinerante «Incontri castellani» (Rozzano, Centro Culturale «Cascina Grande» – 17 Dicembre 2013); Castelli last minute – Pavia, quarta tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Pavia, Castello Visconteo – 26 Gennaio 2014); Castelli del Lodigiano: origini, funzioni, caratteristiche (Milano, Palazzo delle Stelline – 11 Febbraio 2014); Castelli last minute – Crema, quinta tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Crema, Mura Veneziane – 23 Marzo 2014); Pizzighettone fortezza del Ducato di Milano (Pizzighettone, cerchia muraria – 27 Aprile 2014); (Il) Castello di Tortona (Tortona, Parco del Castello – 25 Maggio 2014); Castelli last minute – Sabbioneta, sesta tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Sabbioneta, Mura Gonzaghesche – 21 Giugno 2014); Castelli e fortificazioni della Riviera di Levante, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Levanto, Loggia – 13 Agosto 2014); Alle origini dei castelli, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Sestri Levante, Parco di San Nicolò – 30 Agosto 2014); Castelli e fortificazioni del Piacentino, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (San Giorgio Piacentino, Castello – 7 Settembre 2014); Fortificazioni dell’Età Moderna, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Cremona, Bastione di San Giorgio (Porta Mosa) – 20 Settembre 2014); Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Berceto, Castello Rossi – 28 Settembre 2014); Castelli e fortificazioni del Lodigiano, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Sant’Angelo Lodigiano, Parco del Castello – 12 Ottobre 2014); Castelli e fortificazioni viscontee, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (San Colombano al Lambro, Parco del Castello – 26 Ottobre 2014); Piacenza 1547: come ammazzare un duca (Pizzighettone, cerchia muraria – 31 Ottobre 2014); Castelli e fortificazioni sforzesche, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Arona, Rocca Borromea – 15 Novembre 2014); Come funzionavano i castelli, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Vimercate, Parco Trotti – 22 Novembre 2014); Oh che bel castello… Scopriamo i castelli!, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Urgnano, Rocca Albani – 29 Novembre 2014); Animali e castelli, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Massa, Parco dei Ronchi – 3 Dicembre 2014); Castelli di città, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Alessandria, Cittadella – 13 Dicembre 2014); Castelli e potere, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Pavia, Castello Visconteo – 14 Dicembre 2014); Bugie e castelli, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Mantova, Palazzo Ducale – 19 Dicembre 2014); Fiumi e castelli, stagione 2014 della serie itinerante «Incontri castellani» (Palazzolo sull’Oglio, Rocca – 20 Dicembre 2014); 1450: le munizioni di dieci castelli sforzeschi tra Emilia, Lombardia e Toscana, in «Archivio Storico per le Province Parmensi», Parma, Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, LXV, 65, 2014, pp. 39-64; Castelli last minute – Brescia, ottava tappa della serie itinerante Castelli last minute» (Brescia, Castello – 24 Gennaio 2015); Castell’Arquato: la Rocca Viscontea (Castell’Arquato, Rocca Viscontea – 12 Aprile 2015); Quattro chiacchiere nella storia – Milano, quinta tappa della serie itinerante «Quattro chiacchiere nella storia» (Milano, Castello Sforzesco – 10 Dicembre 2017). Davide Tansini ha condotto ricognizioni fotografiche alla Torre del Guado (o Torrione), alla Torre Mozza e agli altri resti del Castello di Pizzighettone per il progetto «Immagine e memoria» a partire dal 2005. La Torre del Guado (o Torrione), la Torre Mozza e gli altri resti del Castello pizzighettonese rientrano tra le fortificazioni oggetto delle attività del progetto «Lombardia sforzesca» diretto da Davide Tansini.